Siamo la media delle persone che frequentiamo

Gruppo dei pari

“Siamo la media delle 5 persone che frequentiamo di più” affermava Jim Rohn.

Il gruppo dei pari è l’insieme di persone che ti circonda, che hai più vicine e con le quali condividi il tuo tempo (soprattutto il tempo libero). Tieni presente che il gruppo dei pari condiziona le tue aspirazioni e le tue convinzioni: se le persone che frequenti più spesso sono “pessimiste” e continuano a parlare di “crisi”, inevitabilmente tu ne sarai condizionato e inizierai a sviluppare atteggiamenti coerenti con queste convinzioni.

Vale anche il contrario: se chi ti circonda ha un atteggiamento positivo e costruttivo, inevitabilmente anche tu ne sarai condizionato.

C’è di più: il gruppo dei pari influenza anche i tuoi comportamenti e contribuisce ai tuoi successi (o insuccessi). Infatti, se le persone che ti circondano si aspettano che tu ottenga risultati e che tu “ce la faccia”, farai il possibile (inconsciamente) per dimostrare che hanno ragione e, quindi, i tuoi comportamenti saranno più utili, di migliore qualità. Vale purtroppo anche l’inverso: se chi ti è vicino pensa che tu sia un fallito e che anche questa volta sbaglierai, i tuoi comportamenti saranno di qualità inferiore.

Frequenta chi vuoi diventare

Uno dei principi fondamentali del cambiamento e una delle regole basilari da tenere a mente per raggiungere il successo (di qualsiasi tipo di successo si tratti) è proprio quella di scegliere con cura i propri amici. Si tratta di una scelta di sano egoismo: d’altro canto, conosci anche tu il proverbio “chi va con lo zoppo impara a zoppicare”.

Possiamo ovviamente scegliere di frequentare chi vogliamo, senza restrizione alcuna; è però importante essere consci del fatto che queste persone, volenti o nolenti, influiranno sulle nostre opinioni, sui nostri obiettivi e sui nostri comportamenti.

Un individuo può impegnarsi in ogni ambito della vita e fare un eccellente lavoro su se stesso, pianificare al meglio i suoi obiettivi e utilizzare tutti gli strumenti di cui è fornito, ma se frequenta persone che “remano contro” o che tendono, magari anche in buona fede, a distrarlo dai suoi propositi, difficilmente riuscirà nell’impresa.

È abbastanza semplice, se ci pensi: se vuoi perdere peso e raggiungere un’eccellente forma fisica, farai più fatica a raggiungere i tuoi traguardi uscendo a cena con persone che si abbuffano e che ti invitano ad assaggiare la loro fetta di torta, vero?

Rivalutare le nostre frequentazioni può essere un compito difficile. Il processo è spesso doloroso, ma altrettanto dolorose sono le conseguenze che derivano dal lasciare che altre persone esercitino un’influenza dannosa su di noi.

Esercizio

Ti lascio con un semplice esercizio, utile per stimolare in te nuove riflessioni.
Fai un elenco delle 10 persone che hai più vicine, che frequenti o che senti di più. Poi chiediti: queste persone, con il loro atteggiamento, le loro parole, le loro convinzioni, mi portano più lontano o più vicino ai miei obiettivi personali e professionali?

Per proteggere il nostro futuro, dobbiamo avere il coraggio di distaccarci da qualcuno, quando è necessario.

Ricordi il detto“Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei”? Affascinante, ma per molti preoccupante!

Circondati di persone che ti fanno bene e ti fanno stare bene, e smetti di frequentare – o frequenta il meno possibile- le persone che hanno un impatto negativo sulla tua vita, coloro che ti limitano in qualche modo e ti impediscono di esprimerti al massimo delle tue potenzialità. Senza alcun senso di colpa.

E tu? Con chi passi il tuo tempo? Da chi ti fai influenzare? Con chi cresci?

Se siete la persona che sa di più nella stanza, siete nella stanza sbagliata!😉

Contattami per avere ulteriori informazioni riguardo al coaching.

One thought on “Siamo la media delle persone che frequentiamo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.