Motivazione o auto-motivazione? Questione di scelta

Motivazione, auto-motivazione

Apparentemente sembra non esserci sostanziale differenza tra le parole motivazione e auto-motivazione; in realtà l’auto-motivazione è una grande capacità di attingere al proprio potenziale e risorse interiori che ci spingono ad agire riconoscendo il nostro valore, senza avere bisogno di conferme dalla società, dagli amici, dai parenti e dalle autorità.
Contrariamente a quello che alcuni pensano, ogni persona ha la possibilità di darsi la giusta motivazione, utilizzando uno strumento potentissimo che ha a propria disposizione: il cervello.

Ma diamo prima il significato al concetto di “auto-motivazione”.
Sulla prima parte della definizione, penso si possa passare oltre; “auto”, sta ad indicare che l’azione motivante è autoindotta, ossia una persona entra in uno stato di motivazione per aver attivato, autonomamente e dentro di sé, dei processi mentali ed anche fisici che lo hanno portato in quello stato.
Ma cosa significa motivazione? Il significato stesso della parola “motivazione” ti suggerisce questa prima azione da compiere.
Motivazione: espressione dei motivi che inducono un individuo a compiere o tendere verso una determinata azione.
Questa semplice constatazione ci porta alla prima indicazione essenziale. Una persona è motivata quando ha un motivo per agire, più correttamente, quando ha un obiettivo da perseguire che, ovviamente, deve essere motivante per quella persona. Non esiste una persona motivata che non abbia un obiettivo.

Vuoi sentirti motivato?
Eccoti qualche suggerimento per trovare l’energia di cui hai bisogno con le tue forze.

1. Trova e scrivi il tuo perché

Hai un progetto o un obiettivo da raggiungere? Allora prendi un foglio e scrivi il tuo “perché”, qual è il vero motivo per cui vuoi raggiungere la tua meta, come mai hai deciso di spendere tutte le tue energie per ottenere quel risultato.
A volte non si riesce a raggiungere un obiettivo perché si è concentrati sugli ostacoli che ci separano dalla meta da dimenticarsi del motivo che ci ha spinto a incamminarci per quella strada.
Se ti focalizzi sul perché hai intrapreso il tuo cammino, ricordandolo e ripetendolo ogni mattina a te stesso, vedrai che troverai l’energia per intraprendere quelle azioni che ti porteranno al successo.

2. Concentrati sul percorso

Spesso le persone si demotivano di fronte alla enorme mole di lavoro e di fatica che li attende e che si frappone fra loro e il loro obiettivo.
Certo, rimani focalizzato sulla meta, ma concentrati sulla singola azione da compiere ogni giorno, cercando di portarla a termine nel modo migliore, vedrai che ti troverai vicino al traguardo senza neanche accorgertene.

3. Ricompensati

È inutile che ce la raccontiamo, raggiungere un traguardo per cui valga la pena impegnarsi richiede tempo ed energie. La gratificazione istantanea è una leggenda che ingolosisce i pigri e le persone che non hanno alcuna voglia di lavorare.
È anche vero però che la gratificazione è una forte fonte di motivazione, per questo è sempre un bene dividere il tuo obiettivo in sotto-obietti e concederti un premio ogni volta che ne raggiungi una tappa intermedia.

La motivazione non è una dote innata, ma semplicemente una questione di scelte. Qualunque sia il tuo stato d’animo, qualunque siano le condizioni esterne alla tua vita, scegli di agire, sempre, e vedrai che in un modo o nell’altro troverai dentro di te la forza per raggiungere i tuoi obiettivi se davvero ci tieni.

E’ ora di prendere in mano la tua vita!

Se desideri prendere in considerazione la possibilità di farti guidare e di seguire un percorso di crescita, trovi Qui tutte le informazioni.

One thought on “Motivazione o auto-motivazione? Questione di scelta

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.